venerdì 26 aprile 2013

VERGOGNA


Protestiamo, con moderazione, ma dobbiamo farlo.
Abbiamo dovuto assistere all'ennesima dimostrazione di confusa irresponsabilità dei partiti che credono di rappresentare la politica sana del paese.
In occasione del 25 aprile, la festa della liberazione e dell'unità nazionale, sfruttando la bella manifestazione popolare organizzata in auditorium, è stato allestito davanti all'ingresso dell'auditorium il solito gazebo per raccogliere le firme contro le opere pubbliche in via Mandelli.
MA ERA IL CASO?
A NOI PARE TOTALMENTE INOPPORTUNA UNA MANIFESTAZIONE DI PARTE, CHE DIVIDE, CHE VUOLE METTERE - PERALTRO INGIUSTAMENTE - IN CATTIVA LUCE LE PROCEDURE DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA, ORGANIZZATA NEI MOMENTI ALTI DELLA CELEBRAZIONE DELLA FESTA DI LIBERAZIONE DEL 25 APRILE.
Addirittura è stata usata la stessa auto con il megafono per informare i sulbiatesi delle due manifestazioni, quella di parte dell'opposizione e quella di tutti di celebrazione della liberazione.
L'ENNESIMA CADUTA IN BASSO DI PARTITI LOCALI NON CREDIBILI E GUIDATI DA DIRIGENTI IN GRAVE STATO DI CONFUSIONE

20 commenti:

  1. Se così era…
    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/quando-il-pd-diceva-mai-con-b/2205721
    e oggi non è più … e quindi “mai dire mai”… “tutto può succedere”…)
    Quand’è che a Sulbiate scoppierà finalmente l’ “Ammooore” tra Maggioranza e Minoranza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuela Annoni28 aprile 2013 20:20

      Anch’io con moderazione proverò a rispondere alla vostra domanda.

      Prima, però, approfitto di questo vostro pubblico spazio di discussione e confronto per ringraziare tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione di “25 Aprile: Fiori di libertà”: gli attori, i cantori,le danzatrici della scuola di Ronco Briantino “International dance pilon team” che ha animato gratuitamente le musiche partigiane con originali coreografie, i tecnici del suono, Mohamed Ba ,responsabile per la parte drammaturgica, Cristina che ha preparato i fiori distribuiti alla fine in omaggio,Sergio e sua figlia Erica che hanno curato la parte grafica e illustrata delle locandine e del libretto, il Gas “Pan e Pessit “che ha finanziato il costo delle locandine e del libretto, la Pro Loco di Sulbiate che ha pagato i diritti alla SIAE, e infine l’Amministrazione che tramite il patrocinio ha permesso di poter usare l’auditorium pubblico senza pagare nessun affitto.

      Era il caso?

      Bene, ho ascoltato questa dichiarazione venerdì sera 26 Aprile in Consiglio Comunale letta dal Capogruppo sig. Brambilla Fausto e non ho battuto ciglio!
      Mi hanno riferito che la stessa dichiarazione era già pubblicata su questo blog.

      Ora mi chiedo e vi chiedo la vostra stessa domanda:
      Era il caso?

      Mi sono fatta portavoce di un gruppo di cittadini che ha condiviso e fortemente voluto e creduto nella manifestazione del 25 Aprile, che il Vice Sindaco e l'Assessore Simona Crippa hanno visto.

      Credo tuttora che difendere e sostenere le proprie idee, naturalmente di parte, non è dividere ma è portare un contributo alla democrazia e alla discussione. Informare i cittadini non sempre corrisponde a mettere in cattiva luce le procedure dell’Amministrazione ma semplicemente informare chi ,di questi argomenti ,non ne ha mai sentito parlare. Impegnarsi per il pluralismo delle idee e farlo in piazza, esprimendo apertamente pubblico dissenso verso i disegni degli avversari politici significa contribuire, mettendoci anche la faccia, alla diffusione della Libertà di pensiero, non solo predicata ma anche praticata. E se questo avviene il 25 Aprile Festa della Libertà, non capisco cosa ci sia di contraddittorio.

      Leggo dalla vostra nota: “Abbiamo dovuto assistere all'ennesima dimostrazione di confusa irresponsabilità dei partiti che credono di rappresentare la politica sana del paese (… ) L'ENNESIMA CADUTA IN BASSO DI PARTITI LOCALI NON CREDIBILI E GUIDATI DA DIRIGENTI IN GRAVE STATO DI CONFUSIONE”.

      Se io, che mi sono spesa e impegnata in prima persona, per il Valore Costituzionale della Festa della Liberazione dell' Italia, non ho espresso malumori o disappunto sul comportamento delle minoranze di Sulbiate , con nessuno, in data 25 Aprile 2013 ( trombe o non trombe comprese, che pubblicizzavano contestualmente i due eventi … non sono forse liberi di farlo?), non capisco come e perché scriviate dal vostro blog di uno scandalo e addirittura gridiate “VERGOGNA”.

      Quindi , a questo punto la domanda che mi pongo,è la seguente: era il caso di pubblicare questo post?

      Personalmente credo di no!

      Grazie per la Vostra cortese attenzione

      Distinti saluti
      Emanuela Annoni

      Elimina
    2. Gent. sig.ra Annoni,
      quando un sulbiatese interviene in una manifestazione che celebra il 25 aprile ha il diritto di partecipare senza essere "disturbato" da eventi che hanno odore di contrasto e di contrapposizione.
      Non è in dubbio la libertà di esprimere i propri pensieri e le diversità di intendere le cose, è in dubbio l'opportunità di farlo in concomitanza della vostra bella iniziativa sul 25 aprile.
      Un gazebo spostato a un altro giorno non avrebbe cambiato l'esito della vostra battaglia civica e avrebbe consentito di avere rispetto delle sensibilità altrui, per non dire della libertà altrui, facendo così pieno onore al 25 aprile che di fatto è risultato sicuramente disturbato nella sua essenza di festa unitaria.
      Crediamo sia semplice comprendere lo stato d'animo di coloro che, al contrario suo, apprezzano le opere pubbliche fatte dall'AC, attendono la risoluzione dei problemi urbani di via Mandelli e devono ascoltare al megafono, con l'invito a festeggiare insieme il 25 aprile, gravi (quanto false) espressioni di denuncia quali lo spreco di 600.000 euro di soldi pubblici!
      In merito alla libertà di avere e cambiare idee, crediamo che il PD sulbiatese ne sia un campione dato che il piano di recupero della scuola e le sue opere pubbliche che si stanno realizzando sono state convenzionate nel 2008 con i privati, quindi erano incorporate nel programma 2009-2014 che con il PD venne presentato e votato dai cittadini. I ritardi del CAP e la crisi edilizia hanno prorogato i lavori ma potevano benissimo essere fatti con il PD in maggioranza. Quindi il PD nel 2009 non li riteneva uno "spreco" e gli attacchi ai gazebo hanno ben altri scopi e sono organizzati da dirigenti politici confusi o quantomeno incoerenti e pure bassamente manovrati dai loro attuali alleati.
      Peraltro sarebbe segno di signorilità, per lei Signora Annoni, come organizzatore che ha ottenuto il patrocinio dal Comune, avere cura di non usare lo stesso megafono di coloro che denigrano il loro Comune urlando lo spreco di denaro pubblico. Con questo non vogliamo limitare la sua libertà ma, come insegna il 25 aprile, le chiediamo la lealtà di esercitarla avendo cura di quella degli altri.

      Elimina
  2. Se così era…
    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/quando-il-pd-diceva-mai-con-b/2205721
    e oggi non è più … e quindi “mai dire mai”… “tutto può succedere”…
    Quand’è che a Sulbiate scoppierà finalmente l’ “Ammooore” tra Maggioranza e Minoranza?

    RispondiElimina
  3. certo vedere che, dopo anni di scontri/delegittimazioni etc,PD e PDL collaboreranno insieme (forse...speriamo) è alquanto difficile capire come in una piccola realtà come la nostra non si riesca a mettere insieme e d'accordo i nostri consiglieri. cosa dovrebbe succedere per tornare ad una convivenza civile e collaborativa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suvvia credi veramente che, se la legge elettorale avesse consegnato al Centro Sinistra la maggioranza assoluta anche al Senato, il PD avrebbe accettato di collaborare con il PDL?
      Ricordi Prodi?
      E allora, non farci la morale..............

      Elimina
    2. una cosa semplice: che soggetti come Mattavelli e Fassina imparino che quando si lavora nei gruppi liberi, a volte si può essere in minoranza e a volte in maggioranza. A volte si rinuncia alle proprie idee a volte si convincono gli amici in base al contenuto (non al partito mandante).
      Quando erano con noi, non hanno dimostrato di conoscere queste regole. Entrambi se ne sono andati e adesso da opposizione vorrebbero imporre alla civica le loro scelte minoritarie allora e minoritarie oggi.
      Non credo siano predestinati alla minoranza, forse le loro idee non sono un granchè visto che nè da soli nè sommati hanno saputo vincere?
      Rifiutiamo ovviamente la loro tesi di fondo, sunto del loro concetto di "democrazia", che nella civica sono tutte teste di legno a servizio del faraone di turno.

      Elimina
    3. Certo che se il PD avesse avuto la maggioranza assoluta non si sarebbe "alleato" con il PDL e,purtroppo,la "guerra dei vent'anni" sarebbe continuata con ulteriori danni per tutti i cittadini (destra,centro e sinistra). Avrebbe governato il paese, rappresentandone solo un terzo (più o meno la situazione di S.I);SI è al governo dal 2004 ;potete indicare in quale contesto avete,almeno una volta, accettato ed applicato un suggerimento delle minoranze che in questi 9 anni si sono succedute ? Proprio sicuri che l'esser maggioranza comporti l'infallibilità ?

      Elimina
  4. Le riforme di Sulbiate sono molto importanti: due sole parole, condivisione e democrazia (per le questioni che sono interessi di tutti) .... Poi le scelte ideologiche non possono essere uguali per ovvie ragioni ... Invece chi amministra pensa di essere sopra tutto e tutti! .... Basta osservare e approfondire i tanto vituperati rapporti con i vicini aicurziesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già il ragazzone di Aicurzio era un pò difficile da capire, adesso che dalle residenze per disabili si è spostato sulle residenze per prostitute è consigliabile aspettare che si dia una regolata circa le priorità per un sindaco. Lasciatelo nel suo brodo, non avremo nulla da perdere.

      Elimina
  5. Rapporti con quello che vuole riaprire le "case chiuse"??
    Rapporti con quello che da mesi non dice una parola sul suo PGT, vero punto critico che ha bloccato la RSD?
    Rapporti con quello che non conosce il "galateo" istituzionale e prima di comunicare al proprio collega la volontà di effettuare un'assemblea pubblica congiunta ne da comunicazione a tutto il mondo?
    Rapporti con quello da cui da un anno e mezzo prendiamo ceffoni, perchè il nostro attuale Sindaco ha deciso di tenere nei suoi confornti un basso profilo senza rispondere punto su punto alle sue bassezze?

    Speriamo nel futuro: il 2014 è vicino.............

    RispondiElimina
  6. Per chi è' abituato a prendere per in giro i suoi cittadini, la dice lunga sulla vostra capacità di lavorare per la "polis". Fate finta o siete così ottusi di non capire che quello che fa il quarantenne aicurziese sono "mosse politiche tanto intelligenti" che solo pochi illustri hanno saputo affrontare nella storia... Siete sicuri che ha proposto solo di riaprire le case chiuse e non intendesse la Prostituzione che prospera nelle case e appartamenti privati di Sulbiate! ...e i clienti sulbiatesi che contribuiscono a mantenere la malavita e ad evadere le tasse e a mantenere le donne in condizioni di schiavitù' senza un minimo di igiene? ... Bigotti il ragazzo vi vuole aprire gli occhi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, visto che ci sono i paveracci che rubano nelle nostre case cosa facciamo? liberalizzare i furti o lo spaccio sara' il prossimo ideone di quelli come baraggia? E per i poveri rapinatori di banca schiavi dei loro capibanda che si fa?
      facci sapere chi sono gli illustri modelli tuoi e di baraggia.

      Elimina
  7. Ci sono comuni che hanno fatto sistemi di controllo del territorio all'avanguardia, schedando tutti i veicoli in transito ...dando la possibilità ai cittadini di collaborare seriamente con anche due soli elementi della targa!!!! ...voi come al solito siete indietro anni luce!!! ... Il migliore in tutta la provincia di Monza e' di un paese vicino al vostro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiorna la tua scheda e quella del tuo sindaco... se lo conosci. I sulbiatesi sanno che il sistema di telecamere con lettura di targa a Sulbiate e' operativo su un varco da tre anni ben prima che Aicurzio si sognasse che esistesse. E' un sistema all'avanguardia di una nostra azienda del distretto HT. La sua installazione su tutti i varchi stradali del Comune ha avuto rallentamenti vari causa le incertezze territoriali a sud in zona Pedemontana dove abbiamo i principali accessi al paese, delle operazioni di associazione e riorganizzazione della polizia locale, e tra l'altro anche alla guerra interna sollevata a partire dalla bufala outlet, il commissario eccecc.

      Elimina
    2. certo certo un sistema talmente all'avanguardia che ha sistemi di rilevamento invisibili che non lasciano traccia nemmeno nel bilancio e non producono nessun risultato :-)

      Elimina
    3. Certo le telecamere sono state finanziate da fondi regionali per lunghi anni ottenuti con il progetto di pattugliamento serale sovracomunale con i Comuni della zona. Quanto ai risultati ottenuti con la nostra Polizia Locale associata non abbiamo certo bisogno di maestri dato che Sulbiate nei primi anni 90 ha promosso e realizzato il pattugliamento sovracomunale serale.

      Elimina
  8. Alt! ... Io non ho detto sistema per fare soldi! ... Ho detto che un nostro comune vicino ha un sistema di controllo del territorio (da 5 anni!) eccezionale.... Con rilevamento di tutte le targhe in entrata da tutti i varchi comunali ... Poi se un giorno deciderà di usare le targhe per fare soldi come il Comune di Cernusco sul naviglio che controlla il "suo prezioso" centro storico..... Beh allora come al solito questo sito stravolge fatti e verità' .... Allora ha ragione Fassina e C.: voi non dovete amministrare, ma recitare nelle commedie insieme a Totò'!

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia vedere il Sindaco di Aicurzio e il Sindaco di Sulbiate insieme per una intera mattinata e dialogare! Bravissimi!

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.